Seleziona una pagina

Questa volta vorrei affrontare i diritti dei genitori nella separazione.
Inizio da quelli degli uomini- padri, mentre la volta prossima pubblicherò quelli delle donne
– mamme.
I diritti degli uomini dopo separazione e divorzio variano in base alla presenza dei figli, all’inizio di una nuova convivenza, nonchè alla  loro responsabilità della fine dell’unione matrimoniale.
Per la legge l’uomo, in caso di separazione o divorzio, ha gli stessi diritti della donna. Però vediamoli singolarmente:
Diritto al mantenimento
I padri separati di solito devono contribuire al mantenimento del figlio, spesso collocato presso la madre, e della ex moglie; e nel caso non ricorrano più i presupposti, possono richiede chiedere la riduzione o l’annullamento del mantenimento, se la ex moglie è nel frattempo divenuta indipendente, se la stessa inizia una convivenza, oppure se ( dopo il divorzio ), decide di risposarsi.
Inoltre, qualora ne ricorrano i presupposti, l’ex marito ha diritto a continuare ad abitare nella casa familiare, ad esempio nel caso in cui il figlio fosse collocato presso la residenza paterna.
Diritto di visita dei figli
Il padre può esercitare il diritto di visita dei figli, nel rispetto degli accordi intervenuti con la moglie o di quanto stabilito dal giudice. In questi casi, se è vero che la moglie non può impedire al padre di stare con i propri figli, anche il padre non può fare come vuole e
pretendere di vedere la prole quando e come gli pare.
Egli infatti è tenuto a rispettare gli impegni della ex moglie e dei minori, soprattutto in funzione degli impegni dei figli. (allenamenti sportivi, lezioni di lingua o di musica, uscite con gli amici, ecc…)

Di solito l’affido è condiviso, sempre che non ricorrano gravi motivi per optare per un affido esclusivo a favore di un solo genitore.
Inoltre il padre, così come la madre, in caso di affidamento condiviso, ha diritto a prendere decisioni sulla vita dei figli, sempre seguendo i loro interessi, le loro propensioni e attitudini.
L’esclusività decisionale è prevista infatti solo se il giudice affida i figli ad un solo genitore, dopo avere valutato l’altro pericoloso per la crescita dei minori.
I diritti successori
Quando gli ex coniugi sono solo separati, se la ex moglie decede, il marito diventa suo erede universale. In presenza di un figlio l'eredità spetta all’ex marito per la metà, percentuale che si riduce al 33% se dalla coppia sono nati più figli. Nessun diritto successorio è previsto per il marito al quale è stata addebitata la separazione, oppure se il decesso si verifica dopo il divorzio.
Diritto alla pensione di reversibilità
Il marito ha diritto alla pensione di reversibilità della moglie se la morte avviene prima deldivorzio.
Queste sono informazioni sommarie, che meritano di essere approfondite nel caso in cui un utente abbia un interesse specifico.

Dott,ssa Ilaria Morosini

Avvocato Praticante abilitata del Foro di Lodi

Esperta in diritto di famiglia, mediatrice familiare, assistente universitaria.

Mob. 3396193545

Condividi su: