Seleziona una pagina

Non è del tutto infrequente che, seppur la casa coniugale sia stata affidata ad uno solo dei coniugi a segito della separazione, l’ex coniuge non affidatario della casa decida di accedervi ugualmente, violando il divieto.
Tale atteggiamento comporta delle conseguenze non indifferenti, tanto che anche la giurisprudenza è intervenuta sul punto.
Nel 2012 il Tribunale Di Padova con sentenza del primo febbraio, ha condannato per violazione di domicilio il marito che si era introdotto furtivamente nell’abitazione assegnata alla moglie, quando la stessa era al lavoro.
A nulla è valso rappresentare al giudice il fatto che l’uomo era rimasto senza dimora, e quindi voleva trovare un posto dove potersi lavare.
Per il giudice infatti, integra violazione di domicilio aggravata dalla violenza sulle cose, la condotta di colui che entra nell’abitazione altrui dopo aver cambiato la serratura.
Questa regola è valida anche nel caso in cui il coniuge non assegnatario sia comproprietario della casa coniugale.

Condividi su: